Home » Cultura » Tutti invitati a Teatro a Corte

7 luglio 2016

Tutti invitati a Teatro a Corte

Cominciano oggi dieci giorni di spettacoli nelle residenze sabaude del territorio piemontese, fra danza, circo e magia

Ivan Lagrosa

La performance Bodies in city spaces

La performance Bodies in urban spaces, l’8 e 9 luglio alla Tesoriera

Si inaugura oggi la 16a edizione del Festival Internazionale Teatro a Corte. L’evento, diretto da Beppe Navello, si prolungherà fino al 17 luglio e si svolgerà in luoghi storici del territorio piemontese, in particolare nelle dimore sabaude di Torino, Aglié, Racconigi, Rivoli, Stupinigi e Venaria Reale.

VARIETA’ DI SEDI, GENERI E PAESI
Da Palazzo Madama al Parco della Tesoriera, da Palazzo Lascaris ai Giardini della Palazzina di Caccia di Stupinigi, queste dimore ricche di storia faranno da contorno a un programma di spettacoli che si preannuncia molto variegato.
Teatro a Corte è infatti un evento che anche quest’anno si caratterizza per il forte connotato multidisciplinare: danza, teatro, circo contemporaneo, spettacolo pirotecnico e magia, per citare solo alcune delle discipline protagoniste di questa edizione.
Al Festival partecipano 19 compagnie provenienti da Italia, Francia, Spagna, Austria, Gran Bretagna e Israele.

ALCUNI APPUNTAMENTI
È austriaco per esempio Willi Dorner, il curatore di un intervento artistico diffuso in programma l’8 e il 9 luglio al Parco della Tesoriera. A metà strada tra teatro e installazione, venti performer utilizzano i loro corpi per creare scenografie in contesti urbani – da qui il nome Bodies in urban spaces – accompagnando i cittadini in un percorso di riscoperta dei luoghi della loro città, vissuti questa volta in chiave artistica.
Delle fiabe e delle sedie è invece il nome di un evento che si svolgerà l’8 luglio alla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Ogni sedia è stata decorata con elementi che richiamano una fiaba: a forma di zucca o con il naso, con una spalliera che arriva fino al cielo o senza una gamba. Lo spettatore, nel suo percorso, dovrà scoprire a quale fiaba rimanda ogni sedia, ripercorrendo così la propria infanzia.
A Villa Il Meleto di Agliè, residenza estiva di Guido Gozzano, il 10 luglio andrà invece in scena una performance molto singolare: un contastorie, Claudio Zanotto Contino, racconterà tre fiabe dello scrittore torinese e lo farà, come di consueto, accompagnato
dall’asinella Geraldina, sua compagna di venture.

Tag: , , ,

Categorie: Cultura

Lascia un commento