Home » Cultura » Torino Factory, il futuro del cinema in Piemonte

19 ottobre 2017

Torino Factory, il futuro del cinema in Piemonte

Al via un concorso di video sui quartieri della città per trovare talenti cinematografici under 30, che saranno seguiti per lavori futuri da tutor qualificati

Aurora Bolandin e Giovanni Mauriello

Torino Factory inizia con un concorso video

Ieri alla Film Commission Torino Piemonte si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di Torino Factory, il nuovo progetto cinematografico rivolto ai giovani realizzato grazie alla collaborazione fra diverse realtà culturali e con il patrocinio della Città di Torino.
A presentare l’iniziativa Paolo Manera, direttore della Film Commission, che ha introdotto gli interventi dell’Assessora alla Cultura Francesca Leon, del direttore generale del progetto Alessandro Gaido, della rappresentante del Moving Tff Maria Luisa Brizio, main partner dell’evento, e di Daniele Gaglianone, regista e direttore artistico di Torino Factory.

LE FASI
Il progetto è articolato su tre fasi. La prima è un contest rivolto a giovani sotto i 30 anni interessati a realizzare un video a tema libero della durata massima di 3 minuti, ambientato per almeno l’80% in una o più delle circoscrizioni torinesi. Una giuria presieduta dal direttore artistico selezionerà 8 lavori che andranno a comporre una sezione fuori concorso del gLocal Film Festival 2018. È importante sottolineare che comunque tutti i video inviati saranno proiettati nel corso della rassegna di cortometraggi Too Short Too Wait.
La seconda fase, che si svilupperà tra aprile e settembre 2018, permetterà agli autori dei corti di lavorare con tutor qualificati all’interno di una “residenza cinematografica”, una base operativa dove far nascere dei progetti più strutturati e complessi. Infine, l’ultima parte del progetto è la presentazione dei lavori, che avverrà a novembre 2018 in occasione del Torino Film Festival.

GLI OBIETTIVI
Torino Factory vuole essere un’opportunità di sperimentazione, per permettere ai giovani di mettersi alla prova come filmmaker lasciandosi ispirare dagli stimoli che il tessuto urbano offre, a conferma dell’impegno che Torino ha da sempre  nei confronti della produzione giovanile e della creatività artistica in ambito cinematografico. Daniele Gaglianone ha tenuto a precisare che la sua direzione sarà al servizio delle proposte progettuali dei giovani filmmaker e che il suo contributo vuole essere una guida per gli sguardi della nuova generazione.
In conclusione, il vero auspicio degli organizzatori è quello di creare un team di giovani creativi che possa rappresentare il futuro del cinema in Piemonte.

 

Tag: , , , , , ,

Categorie: Cultura, Primo piano

Lascia un commento