Home » Cultura » Brucando l’erba… Torino ringrazia

12 giugno 2018

Brucando l’erba… Torino ringrazia

Il Comune rinnova il progetto sperimentale di pascolo nelle aree verdi della città, permettendo a mandrie e greggi di accedere ai parchi per mantenere i prati a costo zero

Mario Acciaro

Pascoli Torino

Già da un decennio a Torino si utilizzano i ruminanti per la cura dei parchi

Cosa pensereste se, nel mezzo di una passeggiata rinvigorente in uno dei numerosi parchi torinesi, vi si parasse improvvisamente davanti una mandria di ruminanti?
Non c’è da temere, la scena bucolica è da più di un decennio una curiosa normalità della nostra città che, prima in Italia, ha introdotto mandrie e greggi entro i confini delle aree verdi con il preciso intento di affidare alle bestiole la cura del verde pubblico. Gli animali da pascolo, infatti, svolgono un importante lavoro di sfalcio dell’erba, concimando nel frattempo i prati e garantendo, così, una crescita rigogliosa per l’anno successivo.
L’iniziativa ora si estende per tutto giugno a causa delle copiose piogge e rappresenta un’opportunità per la cittadinanza di osservare questi animali “al lavoro”.

I PARCHI COINVOLTI
Le greggi hanno già divorato l’erba in eccesso alla Colletta, al parco della Confluenza e al parco Piemonte per poi spostarsi all’Arrivore e al parco Meisino, mentre una mandria di mucche si dedica al Cimitero Parco di via Bertani.
Il valore naturalistico e didattico dell’esperimento supera di gran lunga i contenuti disagi a cui saranno sottoposti i cittadini, in un’ottica di mantenimento sostenibile delle superfici a prato. Elemento non trascurabile è quello del risparmio per la cittadinanza che, in linea con gli anni precedenti, si stima superiore a 50.000 euro.

NESSUN PROBLEMA
Gli avventori dei parchi non devono comunque preoccuparsi degli animali, che sono confinati all’interno di aree recintate e, anche se perfettamente visibili, non sono raggiungibili, anche per evitare di disturbare questi preziosi falciaerba a quattro zampe. Inoltre alcune aree sono escluse dall’iniziativa, in modo da non intralciare eccessivamente la fruizione del verde pubblico da parte dei cittadini.
L’amministrazione raccomanda tuttavia di mantenere i cani al guinzaglio, in linea con il Regolamento di Polizia Urbana, così da evitare qualunque rischio per i ruminanti.

 

Tag: , , ,

Categorie: Cultura

Lascia un commento