Home » Ambiente » Cerchi casa? Ci pensa StessoPiano

13 dicembre 2018

Cerchi casa? Ci pensa StessoPiano

Alla scoperta di un progetto di coabitazione giovanile che stasera festeggia i suoi 10 anni di attività inaugurando la nuova sede a due passi da Porta Nuova

Fabio Gusella

StessoPiano

StessoPiano fa incontrare proprietari di case e giovani che cercano alloggio in affitto

Trovare un appartamento in affitto, orientarsi fra i vari tipi di contratto, cercare coinquilini con cui dividere le spese… Sono questioni spesso difficili da affrontare da soli, a meno che non ci si rivolga a realtà come StessoPiano, progetto di coabitazione gestito dalla Cooperativa Doc Scs con il sostegno del Programma Housing della Compagnia di San Paolo.
Per saperne di più, questa sera è possibile partecipare dalle 17,30 alla festa di inaugurazione della nuova sede del progetto, in via Massena 1G. Nel frattempo ci siamo fatti spiegare l’iniziativa da Elisa Gallo, coordinatrice di StessoPiano, ed Elisa Saggiorato, referente del Programma Housing.

GLI OBIETTIVI
Nato a Torino nel febbraio 2008 da un’idea della Compagnia di San Paolo, StessoPiano intende agevolare l’incontro fra i proprietari di appartamenti e i giovani tra i 18 e i 35 anni interessati a un’esperienza di coabitazione. Promosso con la partecipazione dell’Associazione Ylda e della Cooperativa Tenda Servizi, il progetto si è posto fin da subito alcuni obiettivi fondamentali: come ci racconta Elisa Saggiorato, il primo è il contrasto del mercato nero della locazione, che si realizza proponendo alle parti – poste sullo “stesso piano” – un contratto a norma di legge e garantendo a tutti una sicurezza e una trasparenza che possono mancare nei rapporti locatore-inquilino non mediati.
Vi è poi l’esigenza di dare una risposta alla forte domanda di autonomia abitativa sempre più diffusa fra i giovani che vivono a Torino, ormai una della principali città universitarie italiane. Infine, StessoPiano intende contribuire a diffondere una sana cultura abitativa all’insegna della convivenza. I numeri paiono dare ragione al successo dell’iniziativa: in questi dieci anni, infatti, oltre 1.500 ragazzi hanno trovato casa grazie al progetto e al momento 150 alloggi hanno un contratto attivo stipulato nell’ambito di StessoPiano.

I VANTAGGI DELLA COABITAZIONE
Come si spiega questa popolarità? Forse attraverso i vantaggi che il progetto offre ai giovani: come ci racconta Elisa Gallo, StessoPiano accompagna l’aspirante coabitante nella ricerca della soluzione abitativa più appropriata alle sue esigenze abitative (da indicare nell’apposito modulo di adesione), agevola la costituzione dei gruppi di coabitanti, offre ai ragazzi la possibilità di ricevere un prestito d’onore per sostenere le spese iniziali della locazione e soprattutto, per l’intera durata del contratto, garantisce un costante servizio di assistenza e mediazione. Per avere un’idea generale dell’offerta di appartamenti disponibili, Elisa Gallo consiglia di consultare gli annunci pubblicati online.
Infine, un tale servizio di accompagnamento ha un costo nettamente inferiore a quello richiesto da qualsiasi agenzia immobiliare, prevedendo un contributo complessivo di 188 euro al momento della sottoscrizione del contratto.

IL PROGRAMMA HOUSING
Come premesso, StessoPiano si colloca in un quadro più ampio di sperimentazioni nate da uno specifico programma avviato nel 2006 dalla Compagnia di San Paolo. Difatti, come ci racconta Elisa Saggiorato, vi sono altri quattro modelli coabitativi a Torino: noi vi avevamo raccontato le esperienze di Coabitazioni Giovanili Solidali e della Residenza Temporanea Luoghi Comuni, ma esistono anche il Condominio Solidale Gessi, che ospita anziani e donne che si trovano in situazioni di fragilità e la Casa delle Opportunità, in cui convivono alcuni giovani provenienti da percorsi penali o comunitari civili conclusi positivamente.
Molte sperimentazioni ma un solo obiettivo: vivere insieme per vivere meglio.

 

Tag: , , , ,

Categorie: Ambiente

Lascia un commento