Home » Tecnologie » Monithon, il monitoraggio dei cittadini arriva a Torino

26 febbraio 2014

Monithon, il monitoraggio dei cittadini arriva a Torino

E’ una piattaforma di controllo civico della spesa pubblica ed è stata utilizzata per verificare i lavori di ristrutturazione del Museo Egizio

Matteo Fontanone

Monithon è un’iniziativa di monitoraggio civico sulla spesa pubblica

Questo è un viaggio attraverso il mondo degli open data, informazioni e numeri di interesse comune accessibili al privato cittadino. Si parte da OpenCoesione, portale di raccolta ed elenco di dati, per arrivare a Monithon, inedita forma di monitoraggio civico nella quale i cittadini possono assicurarsi di persona che il denaro pubblico venga speso in trasparenza.
Lo scorso 22 febbraio inoltre è stato l’Open Data Day 2014 (hashtag italiano #ODDIT14), una giornata internazionale nella quale discutere e riflettere di open data: si fa il punto della situazione, si organizzano diversi eventi e, guardando alle conquiste ottenute, si programmano i nuovi obiettivi. Per l’occasione, a Torino i “monitori” hanno passeggiato in mezzo ai tesori del Museo Egizio, che per completare i suoi lavori di ristrutturazione ha ottenuto dagli enti pubblici più di 15 milioni di euro.

OPEN COESIONE, I DATI ACCESSIBILI A TUTTI
Il portale OpenCoesione nasce nel luglio 2012 dall’idea dell’allora Ministro per la Coesione territoriale del governo Monti Fabrizio Barca. Il piano è tanto semplice quanto ambizioso: garantire alla cittadinanza un accesso immediato e possibilmente intuitivo ai dati di interesse comune, facendo sì che il privato cittadino possa quindi avere a disposizione cifre e informazioni relative a spesa pubblica, utilizzo dei finanziamenti e stato di avanzamento dei progetti interessati. La volontà è quella di rendere più trasparente la gestione dei fondi pubblici portando un po’ più in là il concetto stesso di open data in Italia.
OpenCoesione è strutturato in modo da personalizzare la ricerca e adattarla alle esigenze specifiche del singolo: è possibile cercare per regioni, province e comuni, visionare grafici a torta per avere un colpo d’occhio immediato, ma anche limitare l’indagine ai fondi strutturali dell’Unione Europea. L’utente ha così in mano un nuovo, potentissimo strumento di conoscenza, che lo rende potenzialmente “watchdog”, cane da guardia della spesa pubblica virtuosa.

MONITHON, PER VIGILARE SULL’USO DEI SOLDI PUBBLICI
L’apertura del Ministero non è rimasta inascoltata, anzi. Dall’input di OpenCoesione nasce Monithon, iniziativa spontanea di monitoraggio civico indipendente volta a raccogliere dati sulla spesa pubblica. Sulla falsariga degli “hackaton”, eventi pubblici a cui partecipano esperti di informatica e settore digitale, Monithon promuove e organizza “maratone di monitoraggio”. Le iniziative dei monitori sono aperte a tutti e consistono nel verificare di persona l’uso dei fondi indicati da OpenCoesione. I cittadini così hanno la possibilità di tastare con mano le singole situazioni, valutare la bontà delle spese, informarsi sull’andamento dei progetti e infine stilare dei report, resoconti dettagliati di quanto visto.
Le maratone hanno già portato a risultati rilevanti (ad esempio il primo Monithon campano ha fatto emergere uno scenario preoccupante) e grazie all’uso aggressivo dei social media, Twitter su tutti, e al coinvolgimento di fette sempre più ampie della cittadinanza, in un breve lasso di tempo si è creata una fitta rete di monitori che attraversa lo stivale.

MONITHON AL MUSEO EGIZIO DI TORINO
A Torino la prima iniziativa Monithon si è concentrata sul Museo Egizio, in stato di ristrutturazione dal 2011. I lavori in corso sono trasversali e prevedono la rifunzionalizzazione degli spazi, l’ampliamento dell’area espositiva, il miglioramento della sicurezza e degli allestimenti. Tutto questo con una cifra che si aggira intorno ai 50 milioni di euro, in parte provenienti da compagnie private, in parte (15 milioni divisi tra Unione Europea, Regione, co-finanziamento nazionale e “altra fonte pubblica”) dalla pubblica amministrazione.
Gli attivisti di Monithon hanno avuto modo di confrontarsi con una rappresentante della Fondazione Museo Egizio, con cui hanno discusso soprattutto della destinazione dei fondi strutturali provenienti dall’Unione Europea. In questo momento è in corso la fase di verifica, il cosiddetto fact-checking; nei prossimi giorni verrà caricato sul sito ufficiale di Monithon il report di quanto visto, da cui si potranno trarre le debite conclusioni.

Link utili:
Portale OpenCoesione
Monithon

 

Cosa pensate del portale OpenCoesione e di Monithon? Credete che siano progetti utili?

Tag: , , , ,

Categorie: Tecnologie

Lascia un commento