Home » Tecnologie » A scuola di Tecnologie Civiche

28 aprile 2016

A scuola di Tecnologie Civiche

Dal 19 maggio a Torino quattro giornate per conoscere l’innovazione radicata sul territorio e a forte impatto sociale. La scadenza per l’iscrizione è il 2 maggio

Ornella Darova

Il corso sulle Tecnologie Civiche inizia il 19 maggio

Il corso sulle Tecnologie Civiche inizia il 19 maggio

Le tecnologie civiche sono un ambito in rapida espansione, che ha sempre più bisogno di esperti giovani e motivati. Che cosa comprende questo settore? Si passa dai big data all’analisi dei dati pubblicati dalle amministrazioni (open government) fino alla sharing economy e all’innovazione sociale. È una definizione molto ampia e molto interdisciplinare, tra politica, economia, tecnologia e cittadinanza.
Per cercare di orientarsi in questo ampio spettro, è un’ottima idea partecipare alla Scuola di Civic Tech, che si terrà dal 19 al 22 maggio in Maria Vittoria n.38 a Torino presso Rinascimenti Sociali. L’iniziativa è organizzata da Top Ix e Rena, in collaborazione con il Consiglio Regionale del Piemonte e Torino Smart City.

TRE MOMENTI
Si tratta di un evento unico che sarà momento di aggregazione per una comunità di innovatori pubblici e privati da tutta Italia e non solo. Si utilizzeranno un metodo progettuale e un approccio multidisciplinare per avvicinare, sia in modo pratico che teorico, i concetti fondamentali delle tecnologie civiche.
Ognuno dei quattro giorni, infatti, sarà diviso in tre intervalli di tempo. Nel primo, si studieranno la teoria e le tecniche che stanno alla base delle civic tech; poi sarà analizzato un caso studio, un’esperienza di successo, grazie al contributo fondamentale di chi in prima persona lo ha realizzato; infine, ci saranno tre ore di attività laboratoriale durante le quali ci si occuperà insieme della redazione e dello sviluppo di un progetto dove poter applicare le nozioni apprese e la propria creatività.

I TEMI
Si affronterà un ampio panorama di argomenti: quali strumenti utilizzare per creare un progetto di civic tech e come valorizzarli, come coinvolgere le comunità e la cittadinanza attorno a questi progetti, in che modo e perché realizzare le interfacce più user-friendly, come gestire i dati, con quale metodologia fare valutazioni d’impatto degli interventi e così via.
Gli ospiti sono tantissimi, sia italiani che stranieri: porteranno esperienze innovative, originali e diverse. Si potranno approcciare realtà particolari, startup fresche nel mercato, approcci prettamente social e di condivisione.

COME PARTECIPARE
Il corso è pensato per professionalità diverse, dai policy-maker ai progettisti; probabilmente i più giovani saranno imprenditori, startuppers e innovatori.
Per under 30 e studenti la quota di iscrizione è di 200 € più Iva, la più bassa. Il costo include anche coffee break, aperitivi e materiale didattico. Tuttavia la Fondazione Torino Smart City mette a disposizione 8 borse di studio a copertura delle spese sostenute.
Le iscrizioni si chiudono il 2 maggio, dunque bisogna affrettarsi: l’esito sarà comunicato una settimana dopo. Si verrà così a creare una classe di al massimo 50 partecipanti, presumibilmente molto eterogenei.

 

Tag: , , ,

Categorie: Tecnologie

Lascia un commento